News EN

pensare positivo non basta

48

Un’interessante strumento per realizzare i propri obiettivi è la strategia WOOP, che è il frutto delle ricerche di Gabriele Oettingen, docente di psicologia alla New York University e all’Università di Amburgo, che evidenziano come pensare positivo non ci porta a essere realizzativi.
“Abbandonarsi alle fantasie che riguardano il futuro non ci fa agire in maniera costruttiva”, spiega. “Nonostante nel breve termine possa risultare piacevole, in realtà non fa altro che svuotare il nostro impegno e condurci a esitare continuamente”.
Gli esperimenti effettuati in 20 anni di studio hanno dimostrato che le fantasie positive ci impediscono di gestire compiti difficili, ma spronano a compiere quelli facili.
Nello specifico la ricerca della Oettingen propone una procedura di quattro passaggi basata sul contrasto mentale, chiamata WOOP, acronimo di Wish, Outcome, Obstacle, Plan, ovvero desiderio, risultato, ostacolo, piano.In pratica, da un desiderio, identificato il risultato migliore, con un piano, e con le connessioni cognitive tra futuro, ostacolo e comportamento utile, ci troviamo nella posizione di gestire le difficoltà e affrontare con maggiore sicurezza la situazione. Cosa che vale per qualsiasi circostanza della vita.
Nel video seguente vengono evidenziati i risultati della ricerca e accennata la metodologia WOOP.

 

http://woopmylife.org/woop-1

About the author / 

Andrea Pagani

Iscriviti al blog tramite e-mail